Recensione: “Il prezzo della sposa” di Amalia&Amaryllis

Buongiorno, amici e lettori del blog! Oggi Amanda ci parla di questo libro particolare: le sarà piaciuto? Scopriamolo insieme.

Autore: Amalia&Amaryllis
Titolo: Il prezzo della sposa
Serie: Saga della Sposa #1
Genere: Rosa/Narrativa su saghe familiari
Prezzo: ebook euro 1,70/cartaceo euro 10,70
Link acquisto: ebook qui / cartaceo qui

52410535_256611435260374_4509489264483893248_n

TRAMA: Nel 1870 i destini di tre famiglie s’incrociano in una tenuta non lontana da San Pietroburgo. La giovanissima Ann di Salmis, nobile svedese e provetta scacchista, stringe un’amicizia indesiderabile con il calmucco Ivan Orchadev, figlio ventenne di una famiglia di mezzadri dei Principi Kuragin.
In una narrazione epistolare corale, che esplora la polifonia dei carteggi privati fra vari membri delle tre famiglie protagoniste e di altre disseminate per l’Europa, la storia di Ann e Ivan, una partita a scacchi dopo l’altra, si dipana negli anni, affrontando gli ostacoli delle differenze di censo e della disapprovazione familiare e sociale.
Il Prezzo della Sposa è il primo volume della Saga della Sposa, una serie di romanzi epistolari a narrazione corale che accompagnano i numerosi personaggi, nella loro evoluzione personale e familiare, per tutta la seconda metà del XIX secolo, fra i fasti dell’Impero Russo, la notte artica di Svezia, le danze sfrenate della Puzsta, passando per la perfida Albione, fino al selvaggio West.

RECENSIONE

Non capita tutti i giorni di leggere un romanzo epistolare e vi dirò, il nome stesso di questo genere di romanzo me ne porta alla mente due famosissimi, letti ai tempi della scuola: le Ultime lettere di Jacopo Ortis, di Ugo Foscolo e I dolori del giovane Werther, di J. W. Goethe. Tra i più recenti invece troviamo Noi siamo infinito, di Stephen Chbosky e La concessione del telefono, di Andrea Camilleri. Insomma, si tratta di un genere poco noto ma dai nomi che vi ho citato capite che, se sono diventati famosi, c’è una ragione. Ora, a questi nomi ne dovete aggiungere altri due: quelli di Amalia e di Amaryllis. Il perché ve lo dico io, spero senza fare troppi spoiler.
Temevo che fosse un libro pesante e noioso, ma due minuti dopo ci ero già dentro con tutte le scarpe.
All’inizio conosciamo Ann e Ivan, due bambini con sei anni di differenza, che giocano a scacchi via lettera. I due appartengono ad ambienti sociali molto differenti: lei è una contessina svedese, lui un calmucco, figlio di mezzadri. Se Ivan non l’avesse salvata dall’annegamento sicuro in un fiume, forse i due non si sarebbero mai rivolti la parola. Invece, si scrivono. Ann è gioiosa, spontanea e ingenua. Racconta della sua vita, che si svolge a palazzo tra agi, regali e figure aristocratiche che, ai suoi occhi, sono solo mamma, papà e “parenti” illustri. Ivan, invece, che è già più grande, le dà risposte più brevi e misurate, ma ogni tanto emerge la sua ironia. I due giocano per anni, con Ivan che perde spesso e Ann che, educata agli scacchi da sua madre, che è una campionessa, vince facilmente. Passano gli anni, i due crescono e la vita sembra allontanarli. Le partite si interrompono, e così la loro corrispondenza. Ma durante una vacanza Ann e Ivan si rivedono e quel primo sguardo scatena il finimondo…
Con la trama mi fermo qui, perché altrimenti avrei l’imbarazzo di cosa raccontarvi e non sarebbe facile scegliere, perché questo romanzo è straordinario. Coinvolgente, educativo, commovente, romantico, entusiasmante, eroico… Fate voi. Un miscuglio di situazioni, personaggi ed emozioni che vi farà girare la testa come se foste ad un ballo in alta società. Ma per usare una similitudine più adatta, la storia d’amore narrata in questo romanzo è come una partita a scacchi. Ann e Ivan giocano con irruenza e all’attacco prima, quando sono inesperti; con riflessività e calma dopo, da adulti. Però non pensate che ci si possa annoiare, perché sarebbe la cosa più sbagliata al mondo! Non annoia Ann, che vediamo crescere buona e saggia, confortata dall’amica Lisette alla quale confida i suoi turbamenti. Come ogni signorina della sua età, deve rispettare molte regole comportamentali, e mi ha fatto tenerezza in molti momenti, soprattutto quando faticava a capire cosa ci fosse di sbagliato in ciò che aveva fatto. E non annoia di sicuro Ivan, con il suo carattere introverso, a volte spigoloso, ma onorevole e tutto d’un pezzo, che cerca di contenere e reprimere i suoi sentimenti, ma è costretto a cedere all’amore per Ann, che è tanto, troppo diversa da lui.
Il prezzo della sposa, quello che Ivan paga per amore di Ann, è altissimo, eppure non c’è niente che questo calmucco non farebbe e la grandissima prova di forza che dà nella seconda parte del romanzo lo dimostra.
Ann e Ivan hanno intorno due famiglie amorevoli ma alle prese con problemi e vite molto diverse. Vengono ostacolati spesso per amore, non per cattiveria. A parte un paio di personaggi odiosi, che fino alla fine godono nel saperli lontani, ci sono diverse “fate madrine” ad aiutarli: l’amica del cuore, fratelli e cugini, un amico di vecchia data, una zia accondiscendente finché se lo può permettere… È un carosello di situazioni, intrallazzi e manovre segrete. Passione, odio, gioia e dolore mischiati insieme, che ruotano attorno al fulcro del romanzo: un fuoco interiore che niente e nessuno può spegnere.
Tanti i personaggi secondari (ma neanche troppo secondari). Citarne uno significa fare torto a un altro e questo mi dispiacerebbe troppo. Non riesco neppure a decidermi su quale estratto pubblicare, perché ci sono frasi e situazioni che mi sono rimaste a fuoco nella mente e sono tutte bellissime.
Lo stile di queste autrici è qualcosa di sensazionale. Curato sotto ogni aspetto, mai pesante, molto intenso e coinvolgente. Si capisce subito quanta ricerca ci sia dietro, ma tutto viene raccontato non da un pulpito, quanto dal cuore stesso dei personaggi. Stessa cosa per l’ambientazione. Sono le parole dei personaggi a farci vedere, come se ce li avessimo sotto gli occhi, le loro case, le strade, i balli, la spiaggia, la notte stellata, il tramonto… QUEL tramonto… Neanche una volta ho avvertito una differenza di stile, il che è importantissimo in un romanzo scritto a due mani. Zero errori, zero sviste, zero anacronismi. Queste due autrici non si sono improvvisate scrittrici di storici, come purtroppo vedo spesso accadere negli ultimi tempi. Padroneggiano il genere e lo fanno con un’eleganza innata.
Mi credete se vi dico che anche dopo questa semi-sviolinata mi sembra di non aver reso giustizia né a loro né al libro? Leggetelo. Fatevi trasportare in un’altra epoca e scoprirete che, progresso a parte, l’animo umano non è cambiato poi molto. Alla fine, la partita a scacchi l’hanno vinta in due, o no? Anzi, come direbbe Ann:

Io l’ho capita, questa partita, Ivan. Questa partita di sacrifici e di tenacia, di svantaggi e di perseveranza. E di silenzi. Ho perso, ma l’ho capita bene, perché alla fine è vero che gli scacchi sono la Vita. La mia, almeno, che fisso le nostre mosse sulla scacchiera, cercandovi, e trovando talvolta, le tracce lievi del tuo pensare, del tuo sentire.

Amanda
Per la cover e ogni altro metadato la fonte è Amazon

Annunci

Segnalazione: “Sedurre Bestia” di Ledra

Bentrovati, Puntini e Puntine 🙂
Oggi vi segnaliamo una nuova pubblicazione!

Autore: Ledra
Titolo: Sedurre Bestia (Serie Sirena sotto copertura – Episodio 3)
Genere: urban fantasy romance
Editore: Self-published
Formato: ebook e cartaceo
Uscita: 25 maggio
Prezzo: 0,99 €
Dove acquistarlo: Tutti gli store

TRAMA

Ritorna la Sirena più strampalata del mondo alla ricerca della vendetta contro i principi
azzurri. In questo episodio cercherà di sedurre Bestia, il discendente di Bella e del suo
principe.
Ogni episodio è autoconclusivo come se fosse una sit-com letteraria.

BIBLIOGRAFIA AUTRICE

Sirena sotto copertura. L’inizio (Episodio 1)
Sirena sotto copertura. A caccia del Marchese (Episodio 2)
Cuori in vetta (Prequel Puzzle di cuori)
Puzzle di cuori, vincitore Kobo contest e distribuito in ebook su Kobo e in cartaceo nelle librerie Mondadori
Strage di cuori (prequel I Bacigalupi) disponibile singolo e nella raccolta Dreams collection
La disciplina del cuore (vol 1 I Bacigalupi)
Un regalo speciale (crossover I Piloti e I Bacigalupi)
L’inganno del cuore (vol. 2 I Bacigalupi)
Il palcoscenico del cuore (vol. 3 I Bacigalupi)
Istantanee d’amore – tre racconti con tre atmosfere diverse
Ledra Loi
Il cielo è sempre più rosa, Youfell Rizzoli editore

Pagina Autore Fb: I libri di Ledra

Lo Staff di PDP Blog ringrazia l’autrice per aver gentilmente fornito tutto il materiale presente in questo articolo.

Recensione: “Buonanotte amore mio”, di Daniela Volonté

Autore: Daniela Volonté
Genere: Rosa

Trama: Valentina Harrison lavora a Milano, in un’agenzia pubblicitaria internazionale. È intelligente e precisa, ma poco appariscente, per questo passa spesso inosservata. Non ha alcuna passione per i bei vestiti, i tacchi, le borse, lo shopping in generale e, pur amando la città, preferisce vivere in un tranquillo paesino di provincia.
James Spencer, affascinante e snob, vive negli Stati Uniti. Quando un problema mette in crisi l’agenzia e lui viene convocato a Milano per risolverlo, i due, opposti in tutto, si conoscono. Il loro primo incontro si rivela un totale insuccesso: James è un uomo che cura l’aspetto fisico e la sciatteria di Valentina lo innervosisce, in più è burbero e le si rivolge con poco garbo. Lei, invece, è gentile, dolce e attenta ai piccoli ma essenziali gesti. Eppure, sin da subito cade vittima del suo fascino. L’obiettivo di James è salvare l’agenzia dai guai in cui versa e, consapevole dell’affidabilità di Valentina, decide di coinvolgerla per raggiungere l’importante meta professionale. Ma questa collaborazione forzata farà assumere al loro rapporto sfumature davvero inaspettate…

Ogni volta che non riesco a trovare un libro che mi ispiri, ritorno sempre sui “vecchi”, quelli che mi hanno colpita fin dalla prima lettura, come nel caso di questo romanzo.
Anche se la trama è stata più volte vista, l’abilità della scrittrice l’ha resa piacevole, frizzante e mai volgare.
I personaggi sono ben delineati e mi hanno colpita fin da subito. In tante si potrebbero immedesimare un po’ in Valentina Harrison, la protagonista, poca passione per i vestiti appariscenti e con un carattere gentile, ma timida nei confronti dell’altro sesso, sempre pronta a dare una mano anche a chi non lo merita e che vive la sua vita con una certa routine. Quando incontra James Spencer, affascinante e snob, abituato a donne di un certo charme, la sua vita si ribalterà e Valentina si metterà in gioco in prima persona, uscendo dal proprio guscio. Sarà colpita dal fascino del suo nuovo capo, anche se il loro primo incontro sarà tutt’altro che piacevole.
E cosa succederà a James quando si ritroverà a lavorare con una donna come Valentina? A primo impatto rimarrà sconvolto, poiché abituato sempre a circondarsi di donne di bell’aspetto, e penserà che si tratti di una ripicca del padre a causa del suo comportamento sconsiderato a New York, ma si accorgerà di come Valentina sia una risorsa preziosa in ambito lavorativo e personale.
Tutta la vicenda si svolgerà tra Milano, Svizzera, Barconate e New York, circondati da parenti come Marta e Simon, rispettivamente sorella e cognato di Valentina, che con i loro consigli e il loro affetto l’aiuteranno a superare le sfide che la vita le porrà davanti. Ci saranno gli amici newyorkesi come Matthew, che aiuterà James a gestire gli affari a New York, ma anche nemici che cercheranno di mettere il bastone tra le ruote nella vita sia personale che professionale dei protagonisti.
Attraverso i dialoghi e le situazioni vedremo come nell’arco della storia i due si influenzeranno a vicenda, crescendo insieme. Soprattutto Valentina, grazie al suo carattere gentile, riuscirà a far comprendere a James le cose importanti della vita come gli affetti familiari.
Il tono del romanzo è a volte romantico e allegro, altre profondo e triste e ho personalmente apprezzato la nascita e lo sviluppo dei sentimenti di James e Valentina, che talvolta sfociava in incomprensioni causate da un messaggio, un email o un tono di voce male interpretato.

Camilla

Per la cover e la trama: Amazon

Segnalazione: “The Aristocrats” di Daria Torresan e Brunilda Begaj

Buongiorno, Puntini e Puntine 🙂
Oggi vi segnaliamo l’imminente pubblicazione di questo Mafia Romance auto conclusivo. Scopritelo insieme a noi!

Autore: Daria Torresan e Brunilda Begaj
Titolo: The Aristocrats
Genere: Rosa
Prezzo: ebook euro 2,99
Link prenotazione qui: Amazon

TheAristocrats

TRAMA
Ricchi, potenti e di una bellezza quasi eterea, i fratelli Doko sono “I signori dell’est-Europa”. Arroganti, pericolosi e disonesti fino al midollo, non provano pietà, non rispettano le regole e l’unica legge che conoscono è la loro.
La sola parola che conta è la loro.
Tutti li temono, tutti chinano il capo al loro cospetto. Tranne le sorelle Norik, discendenti dirette della donna più autorevole e rispettata nell’Europa orientale, nonostante il passato per nulla glorioso. Il loro cognome è sinonimo di potere e protezione. Per loro la legge è al di sopra di tutto, non giocano sporco, non ne hanno bisogno. Ma il loro rispetto va guadagnato e i Doko l’hanno perduto da tempo.
C’è un confine invalicabile tra le terre degli uni e delle altre.
Due famiglie, due imperi in lotta da sempre per la supremazia. Ma la loro battaglia rischia di portare alla luce troppi segreti. Quanto a lungo possono i protagonisti di questa faida farsi carico dell’antico odio che li separa? Quanto, prima che gli istinti carnali sfocino in una passione travolgente?
Perché davanti a un sentimento come l’amore, il cognome che porti non conta nulla.

* ATTENZIONE *
Il romanzo contiene scene di sesso esplicite. Se ne consiglia la lettura a un pubblico adulto e consapevole.

BIBLIOGRAFIA AUTRICI

Dangerous
Broken
Between (prossimamente nuova versione)
The Justice Series

Fonte per cover, trama e altri metadati: Amazon

Pomeriggio autore con… Rose Fontana

Buongiorno a tutti! Oggi cogliamo l’occasione per offrirvi un piccolo riassunto del pomeriggio autore che si è svolto nel nostro gruppo Facebook qualche martedì fa. L’autrice Rosanna Fontana proprio in questi giorni ha pubblicato il suo nuovo libro, intitolato Snow White, che vi abbiamo segnalato in precedenza. Vediamo come ne ha parlato durante le ore trascorse in nostra compagnia!

♥ Rosanna Fontana è una scrittrice versatile, in tanti anni ha pubblicato diversi generi dalla commedia divertente ai romanzi più seri e profondi, a quelli con sfumature più dark… fino ad approdare alle tinte più delicate dello YA. Cosa ti ha spinto verso questa passione per la scrittura? E come mai così tanti generi diversi?
Ho deciso di scrivere per dar voce alle storie che avevo in testa. Ho sempre avuto una fantasia sfrenata, alimentata dalle numerose letture della mia adolescenza. Sono cresciuta con i classici, per cui sono abituata a leggere generi e stili diversi. Per questo motivo sento il bisogno continuo di sperimentare e percorrere strade nuove. Certo, l’amore non manca mai, ma mi piace svilupparlo in modo sempre diverso.

♥ Quando hai iniziato a scrivere il tuo primo romanzo?
In realtà alle medie avevo scritto un fantasy, una via di mezzo tra La storia infinita e Fantaghirò. Ma è nel 2011 che ho cominciato il mio primo vero romanzo, Via Monroe 66, un giallo dalle sfumature romance. Solo che non mi sentivo pronta, per cui l’ho lasciato in standby per un po’ e l’ho concluso nel 2014.

♥ Snow White è il tuo ultimo lavoro di prossima uscita tra qualche giorno. Come si legge dalla trama i due giovani hanno grandi sogni musicale e sportivi, qual è stata la scintilla che ti ha portato a unire questi due mondi in uno YA?
Avevo voglia di raccontare una storia diversa dal mio solito. Lavorando in una scuola, avevo molte bambine che facevano ginnastica artistica e, parlando con loro, ho compreso che è uno sport che richiede sacrificio fin da piccole. Per quanto riguarda il rap, è un mondo che mi affascina, anche perché adoro la capacità di questi artisti di giocare con le parole.

♥ Come è stata questa esperienza di connubio tra musica e romanzo?
Per me è stato bellissimo collaborare con Gianluca Pasha Deciano . I suoi video su Youtube sono stati la colonna sonora più bella durante la stesura del romanzo. Mi è piaciuto anche il fatto che abbia letto la storia per scrivere dei pezzi di freestyle più centrati. E allora ho pensato di suggellare questa collaborazione, creando un personaggio del libro in suo onore.

Snow White WEB (1)

♥ Melania e Ginevra sono un pò due antipodi e la cosa che le accomuna è la grande amicizia che lega entrambe a Maya. Melania è un uragano dall’innamoramento un po’ facile, Ginevra invece è assennata e anche lei sogna le olimpiadi. A Rose Fontana sarebbero piaciute due amiche così? Con quale delle due ti senti più affine?
Come carattere, sono posata come Ginevra, ma le mie amiche del cuore erano fuori di testa come Melania. Così spesso toccava a me farle ragionare.

♥ Alex e Maya, i protagonisti di Snow White, sono due ragazzini con grandissimi aspirazioni che portano anche grandi sacrifici. Ti rispecchi in loro? O ti sei ispirata a qualcuno che conosci, oppure sono semplicemente un parto della tua fantasia? Ci racconti qualcosa di più su di loro?
Mi rivedo in entrambi per quanto riguarda il concetto di sacrificio. Fin da piccola ho sempre creduto che con l’impegno sarei riuscita a ottenere i risultati. Tuttavia mi ero considerata fortunata a sognare obiettivi che possono essere raggiunti con calma. Il fatto di poter ottenere gratificazioni nel mondo della scrittura non ha date di scadenza. Certi sport, come la ginnastica artistica, sì. Da questa riflessione è nato il personaggio di Maya. Per quanto riguarda gli interessi, diciamo che sono più vicina ad Alex, che è un secchione dal cuore d’oro appassionato di poesia e musica. Maya è una ragazza in gamba, ma voglia di studiare saltami addosso.

♥ Rosanna Fontana, ti guardi mai indietro a pensare: “Quel libro lo riscriverei così” oppure “quel personaggio dovevo farlo diverso”? Grazie
Grazie per la domanda. Sì, mi capita spesso di rivedere alcune mie scelte, anche perché,
maturando come persona e autrice, spesso comprendo che avrei potuto sviscerare meglio una questione o un personaggio. La cosa, però, non mi dispiace. Credo che mettersi in gioco sia il modo più costruttivo per crescere e migliorare.

♥ Rose Fontana, autori che hanno influenzato la tua vita o il tuo modo di scrivere?
Sono cresciuta con i classici. Ho amato molto Pirandello e la letteratura russa. Come autrice di romance, però, credo che le autrici che mi hanno influenzato di più siano state Charlotte Brontë e Jane Austen, per quanto riguarda il passato, e per il presente Amabile Giusti e la Mazzantini. Insomma, cerco letture che mi diano emozioni e il mio obiettivo è di trasmetterle anche nella scrittura.

1

Lo Staff di PDP Blog ringrazia l’autrice per essere stata con noi e per aver ancora fornito cover e card presenti in questo articolo.

Cover reveal: “Rising star” di Alessandra Angelini

Buon pomeriggio, amici e lettori 🙂 Scopriamo insieme la cover e la trama del nuovo romanzo di Alessandra Angelini!

cover-ebook-ESTERNA-1875x2560_300dpi

TRAMA

Ci sono incontri inevitabili e persone destinate a cambiare la nostra esistenza.

Ci sono situazioni che combattiamo con tutte le nostre forze, perché non possiamo arrenderci a perdere ciò che di buono ci è stato donato.

Ci sono sentimenti che, non importa quanto li soffochi, continuano a riaffiorare.

Aurora conduceva una vita tranquilla prima di conoscere Aiden Walker, il playboy impenitente della televisione inglese. Poi sono arrivate le minacce delle ammiratrici e la pressione dei tabloid, ma è stato il suo tradimento a mandarla in pezzi. Aurora si aggrappa ai libri, la sua unica certezza, anche se andare avanti sembra impossibile.

Quando Aiden pensava di avere una possibilità di essere felice, un segreto del passato torna a chiedergli il conto. Sono trascorsi mesi da quando Aurora lo ha lasciato, il successo e la fama creati da YOLO non bastano a riempirgli il cuore. Aiden respira, lavora, vive ma è solo un guscio vuoto e si sta lentamente autodistruggendo.

Se però le cose non fossero andate come sembra? Blackpool, il mare e un parco divertimenti sono il posto ideale per allontanarsi dalla realtà. O per ritrovarsi. Perché quando hai davanti l’amore della tua vita, credergli sarebbe fin troppo facile. Aiden è pronto a rischiare tutto per evitare che Aurora diventi il suo rimpianto più grande. Lei è determinata a non lasciarsi attrarre di nuovo dalla sua orbita gravitazionale. Ma si può davvero decidere chi amare?

Lo Staff di PDP Blog ringrazia l’autrice per aver gentilmente fornito il materiale usato per questo articolo.

Recensione: COME PETALI DI CILIEGIO, di Mia Another

 

Buongiorno a tutti! Oggi abbiamo per voi una nuova recensione scritta da Nora per un libro che racconta una storia particolare, da leggere e amare.

Autore: Mia Another

Titolo: Come petali di ciliegio

Genere: Rosa

81rGpu0x5qL._SL1500_Trama

Questa è una storia d’amore ambientata nello schematico caos della poliedrica città di Tokyo. Una storia scandita dal lento cadere dei petali di ciliegio e dalla sensualità del kinbaku, o shibari, l’arte di legare i corpi per esaltarne la bellezza. Una storia dove per trovare il vero amore è necessario squarciare la tela della vita quotidiana e guardare oltre. La storia di due anime legate dall’indissolubile filo rosso del destino.

Quando Isabel è partita per studiare a Tokyo, si è portata dietro una valigia piena di determinazione e di fogli bianchi da riempire con i suoi disegni. Nella sua nuova vita da studentessa, non avrebbe mai immaginato di trovare l’amore.

Ty è dolce, premuroso e passionale, il compagno ideale per affrontare un luogo così diverso da casa. Sarebbe una follia rischiare di perderlo. Sarebbe come squarciare la tela di un quadro perfetto.
E se ci fosse qualcosa di tremendamente ammaliante, dietro a quella tela?
Ryuu, il suo migliore amico, porta con sé il buio e la calma di un lago ghiacciato. Tratti misti e tutto il fascino dell’Oriente, nei suoi occhi neri c’è un abisso impenetrabile. Lui possiede qualcosa che Isabel desidera ardentemente: padroneggia un’arte antica che la ossessiona, che cerca di riprodurre nei suoi disegni e che risveglia il lato più intenso della sua ispirazione.
 
Recensione

Esiste un’antica leggenda che narra che gli innamorati sono legati da un filo rosso annodato al mignolo della mano sinistra e non importa dove vanno, cosa fanno o chi incontrano: quel filo, prima o poi, li porterà l’uno nelle braccia dell’altro. Questo filo si dipana fra queste pagine, diventando una corda spessa che stringe, imprigiona il corpo e libera la mente. Una corda intrecciata su pelle candida da mani esperte. Un nawashi, una modella, il kibaku e un segreto.

Siamo in Giappone, a Tokyo. Mia ci porta fra quelle strade, in quei luoghi, ma più ancora ci porta in un luogo fatto di storia, tradizioni e gesti antichi. L’autrice usa proverbi come questo:

“Il ramo di un salice è flessibile, si lascia scivolare di dosso la neve, e resta vivo e vegeto. Il ramo di quercia non vuole piegarsi, e sotto il peso delle intemperie, si spezza e soccombe. Cit.”

Con parole e oggetti della tradizione (per questo c’è un piccolo dizionario che ci aiuta a immergerci in un mondo di saggezza e cultura antica, che si mischia con la modernità estrema) ci guida in una storia d’amore, di amicizia e di tradimenti. Le sue descrizioni sono misurate, mai troppo lunghe da annoiare, mai troppo brevi da lasciarci in sospeso. È riuscita a trovare quell’equilibrio che porta la mente del lettore a fare quello piccolo sforzo di immaginazione che rende il libro non solo suo, ma nostro. L’odore della neve che si scioglie, i petali dei ciliegi, i nodi e le corde che  stringono la carne, i tormenti, le angosce, il desiderio, il carboncino che scorre sul foglio… L’autrice ha detto ogni cosa, eppure è riuscita a lasciarmi lo spazio perché mi creassi una mia immagine.

I protagonisti prendono vita, ognuno di loro entra sotto pelle. Non c’è un preferito, uno per cui tifare, uno da odiare, il bene e il male, il giusto e lo sbagliato. Sono così vicini da fondersi e rendere difficile tifare per l’uno piuttosto che per l’altro.

Tyler, tirocinante di medicina e pediatria, è tanto bello quanto buono, con in mente un futuro ben preciso, fatto di un lavoro per il quale ha studiato molto e contornato da una bella casa, una splendida moglie e il rumore di piccoli piedi che gli corrono in contro al suo rientro. Solare, divertente, dolce, aperto al mondo e alla vita, è il ragazzo perfetto, ma con un piccolo neo: la sua mentalità classica, che mette la donna sopra ogni cosa, incapace di comprende alcune pratiche che reputa denigranti per il sesso femminile non riuscendo a vedere oltre, oltre la costrizione, oltre al dolore, i lividi, le corde, e la bellezza e la libertà che queste portano.

Ryuu, un mezzo sangue, padre giapponese e madre occidentale. Un connubio unico, tratti e colori orientali, ma un’altezza tale che lo fa scorgere fra la folla. Un carattere che unisce il presente con il passato, un retaggio che scorre nelle sue vene. È taciturno, riflessivo, misurato. Nasconde un amore per un’arte antica tanto bella quanto incomprensibile ai più, che fonde armonia, concentrazione e devozione. In lui tutto ha una giusta collocazione, tutto ha un perché, nulla è fuori posto, l’ordine dentro e fuori lo caratterizzano.

Due uomini tanto diversi ma uniti, quasi fratelli, che si completano, si supportano e si aiutano.

E infine c’è lei, Isabel. Lunghi capelli rossi, occhi tra il verde e il grigio, silenziosa come Ryuu, ma quando parla sincera e diretta come Ty. Un’artista, una testa piena di idee, immagini, un mondo da mettere su carta, una curiosità e una voglia di conoscersi, che la portano a scoprire nuove strade, ad abbattere barriere, a vincere la paura e la timidezza.

A volte, l’arte ha bisogno di essere oscena, sconvolgente e indecente per penetrare nelle nostre menti. Per farci sentire qualcosa, per dare una scossa ai pensieri sopiti e sepolti dalla quotidianità.

Una domanda racchiude un po’ tutto il libro ma non sono sicura di riuscire a rispondere, forse perché non esiste una risposta corretta: cosa scegliere tra onore e felicità?

Tre ragazzi, tre studenti, con un’ambizione tanto grande che li ha portati dall’altra parte del mondo, con tre caratteri in un certo senso simili, dove non esiste un cattivo né un buono, solo il filo rosso e la sua leggenda che prende vita.

Siamo tutti intrappolati in un reticolo di fili rossi, che si increspano, si annodano e si incontrano, connettendo le persone. È così facile inciampare nel percorso sbagliato, nelle paure e nelle delusioni, che perdiamo la rotta, ci dimentichiamo di cercare chi c’è dall’altra capo del nostro cammino.

Il destino alcune volte ci porta a prendere decisioni che non avremmo mai pensato di prendere, di fare scelte così lontane da noi da portarci oltre ciò che pensiamo di essere, o più semplicemente ci costringe a vivere. Un libro da leggere e da amare.

Nora

Cover, trama e metadati tratti da Amazon